I migliori anni della nostra vita

SPETTACOLI dal 19 al 24 settembre
CINEMA ZENITH - Via Benedetto Bonfigli, 11, 06126 Perugia, Italia - Tel. 075 572 8588
giovedì 19
  • 17:30
  • 19:15
venerdì 20
  • 17:30
  • 19:15
sabato 21
  • 17:30
  • 19:15
domenica 22
  • 17:30
  • 19:15
lunedì 23
  • 17:30
    LINGUA ORIGINALE
  • 19:15
    LINGUA ORIGINALE
martedì 24
  • 17:30
  • 19:15
  - VERSIONE ORIGINALE CON SOTTOTITOLI IN ITALIANO
I migliori anni della nostra vita
Il regista incontra di nuovo le strade di Jean-Louis e Anouk per riflettere sul mistero della vita e dei sentimenti
I migliori anni della nostra vita
(Les plus belles années d'une vie)
Regia: Claude Lelouch
Cast: Jean-Louis Trintignant, Anouk Aimée, Souad Amidou, Antoine Sire, Marianne Denicourt
Genere: Sentimentale
Durata: 90 min. - colore
Produzione: Francia (2019)
Distribuzione: Europictures
VEDI
TRAILER

ean-Louis Duroc, un tempo campione a livello internazionale di auto da corsa, si trova ora in una casa di riposo. La sua memoria talvolta vacilla ma su un punto rimane stabile: il ricordo della storia d’amore vissuta con Anne Gauthier 50 anni prima. Il figlio Antoine ne è consapevole e decide di andarla a cercare. Se Anne accetterà di recarsi a trovarlo questo forse potrà fare del bene a suo padre. Anne accetta.

Il mondo del cinema ha delle sue specificità alcune delle quali possono sembrare in contraddizione tra di loro ma, per fortuna, si tratta di una contraddizione salvifica.

Perché si può tranquillamente bypassare il fatto che nel 1986 Claude Lelouch aveva già fatto reincontrare Jean-Louis Trintignant e Anouk Aimèe (ovvero Jean-Louis Duroc e Anne Gauthier) in Un uomo una donna oggi film che non è da annoverare tra i suoi esiti migliori. I due si ritrovavano e comprendevano di non poter fare a meno l’uno dell’altra. Ma il cinema fortunatamente può anche essere memoria attiva e allora ben venga che Lelouch dimentichi e ci faccia dimenticare quel film non riuscitissimo (salvo per alcune immagini in cui si vede Jean-Louis gravemente ferito per un incidente) per proporci invece uno delle sue opere più intime e capaci di suscitare emozioni.

A un certo punto l’anziano Jean-Louis dice: “È più facile sedurre 1000 donne che sedurre la stessa 1000 volte”. Il cinema di Lelouch è stato spesso tentato dalla seduzione nei confronti dello spettatore con fasi iniziali di film in cui entravano in scena innumerevoli personaggi che andavano ad ingrossare rivoli di storie attraenti che talvolta però finivano con il disperdersi in favore di quelle principali. Questa volta il registro è totalmente differente. Basta osservare, in stato di completa ammirazione nella prima sequenza, il volto di Trintignant su cui, ripreso in primo piano, scorrono per alcuni minuti ricordi, pensieri piacevoli, vuoti di memoria senza che nessuna parola venga pronunciata, per comprendere che Lelouch ha fatto definitivamente propria la frase di Victor Hugo che dà anche il titolo al film: “I migliori anni di una vita sono quelli ancora da vivere”. Lelouch ‘vive’ questo film girato in continuità e nell’arco di soli 13 giorni.